27 Mar 2018

Il pianto della vite: è arrivata la primavera!

Ai primi timidi accenni di primavera, quando la natura si risveglia dal torpore invernale, è possibile imbattersi nell’incanto del “pianto della vite”. Un affascinante fenomeno che caratterizza il ciclo biologico della vigna (in foto: la bellussera). 

In questo periodo, con l’arrivo delle giornate più calde, la pianta segnala in maniera straordinariamente suggestiva la ripresa attività delle proprie radici: l’acqua, risucchiata dal terreno, fuoriesce sotto forma di linfa, dai recenti tagli di potatura. Il vignaiolo nei mesi invernali, infatti, ha potato le viti, un intervento fondamentale per predisporle alla vegetazione e alla crescita rigogliosa nel corso dell’anno. E siccome in natura nulla è dato al caso, ecco dunque che, del tutto simili a delle lacrime, le gocce di linfa, la cui comparsa precede di circa un mese il germogliamento, hanno la preziosa funzione di cicatrizzare i tralci amputati.